Archivio per marzo, 2008

mar 17 2008

Monleale vs. Skating Club Savona 12-0

Pubblicato da sotto Hockey

Dopo la pausa dovuta ai riposi, ritorna il campionato italiano di serie B di Hockey in Line: ci ritroviamo con l’ennesima sconfitta per la squadra ligure, questa volta contro la capolista sportleale Monleale, compagine che punta nettamente al salto di categoria, visti anche gli sforzi economici per rimpolpare il roster. Sono praticamente scomparsi i vecchi giocatori e sono stati acquisiti dalla serie A tre quarti della compagine. Contro una tale esperienza poco hanno potuto le giovani leve del Savona, in cui l’unico veramente esperto (anche bacucco) era l’allenatore-capitano “spaccaossa” Monaco.

Come al solito i Liguri, senza chiudere nemmeno le due linee (soli sette giocatori di movimento) , hanno resistito dieci minuti con un solo goal al passivo, riuscendo anche ad impensierire il portiere avversario in più di una occasione; ma poi la stanchezza su di un fondo impraticabile e qualche penalità a dire il vero un poco dubbia hanno facilitato il compito dei padroni di casa fino al parziale di cinque a zero al riposo.

Nel secondo tempo il copione non è cambiato e nonostante i savonesi abbiano continuato a giocare con foga, il passivo è diventato imbarazzante e senza veri miracoli del portiere Bermano, poteva addirittura raddoppiare. La difesa è sembrata un poco “morbida” e l’attacco purtroppo ha fallito le poche occasioni capitate.

In conclusione il risultato è abbastanza giusto perchè in realtà si fronteggiavano squadre di diverse categorie, con un divario evidente . Sono mancati i soliti duelli con i due ex giocatori dello Skating, perchè mancava nei piemontesi il sosia di Bin laden, probabilmente non più all’altezza della compagine, e il secondo ha giocato forse per un cambio ed è poi stato relegato in panchina per il resto dell’incontro. Peccato perchè potevano essere le cose più interessanti in una partita per il resto scontata.

Dulcis in fundo : LE PAGELLE

Claudino Bermano: altalenante prestazione: belle parate miste a veri miracoli! Non ha mai mollato fino alla fine rendendo difficile segnare anche per giocatori con trascorsi in serie maggiori. Unico con votazione totalmente positiva.

Guido Tassinari: una grinta unica! Ha tenuto a bada avversari con una stazza doppia della sua. Deve solo migliorare nella costruzione di gioco e nello smistamento del disco. Il sangue sulla sua maglia (non suo!) a fine gara lo eleva al rango di GuidoMannaro.

Gabriele Monaco: alle prese con una fastidiosa congiuntivite bioculare (segni dell’età?) non ha brillato per ignorante veemenza come al solito, ma avrebbe meritato di segnare in una o due occasioni.

Emilio Esposito: sacrificato in difesa non si è potuto esprimere nelle sue famose sgroppate, ma comunque ha fatto un lavoro oscuro al servizio della squadra.

Valerio Bermano: schierato questa volta in attacco, ha brillato solo nel finale, quando sembrava indemoniato costringendo, da solo, gli avversari nella propria metà campo. Vorremmo vederlo sempre così!

Stefano Parodi: forse la sua migliore partita, avrebbe meritato il goal per impegno e grinta. Presente e ficcante nei dribbling, un poco impreciso sotto rete.

Simone Chiale: molto movimento ma poca lucidità; ha il difficile ruolo di organizzare la seconda linea offensiva coprendo nel contempo alcuni buchi nelle retrovie, ma da lui ci si aspetta anche che segni!

Marco Manuzio : non proprio in forma, ha patito la superficie più degli altri, ma ricordiamoci che è solo alla sesta partita! Migliorerà!

Pubblico: oltre alla habituè (si scrive così?) Laura era presente anche Alessia (evento straordinario!) in dolce attesa. A onor del vero si sono sentite poco ma giustamente il risultato offriva pochi spunti. Voto dieci per non essere scappate dalla vergogna!

Domenica ulteriore pausa per le vacanze Pasquali, e la successiva ancora in forse per mancanza del campo e quindi appuntamento a sabato 5 aprile, in trasferta a Torino contro il Pianezza.

Buona Pasqua !

19 responses so far

mar 10 2008

Il mio longboard 9 piedi PHIL EDWARDS

Pubblicato da sotto Surf

Vi voglio presentare il pezzo forte del mio quiver, un nove piedi Phil Edwards originale!

Longboard Phil Edwards

Prima di tutto chi è costui : banalmente un surfer nato nel 1938 che divenne il primo pro, fu il primo a surfare Pipeline e fu il primo ad avere un proprio marchio di tavole! Non male eh!

Firma Phil Edwards

Phil ebbe l’intuizione che con tavole da 11 o 12 piedi onde come quelle ripidissime e tubanti di Pipeline erano impossibili, e cominciò quindi a segare parti abbondanti di prua fino a giungere ai 9 piedi scarsi, che gli permisero di fare le prime duck dive e passare sotto onde grandi e partire sulle stesse. Cominciò poi a produrle in serie prima alle Hawaii poi in California ed infine negli anni a seguire in Francia: la mia appartiene a queste ultime shapate con il famoso marchio Hobie e firmata da lui stesso. Come si può notare prima di essere rimessata per anni in un fienile ha subito parecchie battaglie di cui mostra ancora i segni: nonostante il “Cola” del Varazze Surf Shop l’abbia sottoposta ad una cura ringiovanente alcune riparazioni sono ancora visibili ma non inficiano la manovrabilità del mezzo.

Logo Hobie

In acqua si rivela un poco “dura” da condurre, forse anche per la pinna da me adattata, una Surftech in legno resinato da dieci pollici, molto stilosa ma poco manovriera (noblesse oblige). Nella remata ed in partenza è un missile e con poche bracciate parte su tutto, planando immediatamente e dando l’impressione di essere molto più lunga. Nella conduzione non si può paragonare alle moderne tavole ma arretrando bene e sfruttando la tecnica del kneedrop si ottengono comunque delle buone linee e non è difficile tirare qualche buon noseride. Logicamente le uscite con un longboard di questo tipo vanno centellinate per non incorrere in rischi di rotture ma vi posso assicurare che quelle volte in cui lo usate venite ricompensati di tutte le cure. OLD SKOOL RULES

5 responses so far

mar 03 2008

Tutti Coach!

Pubblicato da sotto Hockey

Ciao a tutti,

visti gli scarsi risultati ottenuti dallo Skating in questa stagione e la manifesta inettitudine del coach (arriverà a mangiare la colomba?), indiciamo questo sondaggio: fateci sapere le migliorie che si possono, secondo voi, apportare alla squadra per il girone di ritorno: cambi di ruolo, modifiche alle linee, soppressione fisica di atleti. Scatenatevi ma ricordate: i commenti saranno pubblicati! Aiutiamo la squadra che ce n’è bisogno!!!

15 responses so far