Archivio per febbraio, 2009

feb 23 2009

Canguri Brebbia vs. Skating Club Savona 6-1

Pubblicato da sotto Hockey

Prestazione opaca nell’ultima giornata del campionato di serie B di hockey in line per uno Skating Club Savona già in ferie! I liguri, ormai certi della quarta posizione e impossibilitati a raggiungere il Piacenza in terza, hanno affrontato la sfida demotivati e privi della colonna portante della difesa, “ringhio” Tassinari. Aggiungiamo una superficie assolutamente inadeguata e l’ormai tradizionale arbitraggio modello “pattinaggio artistico” e la frittata è fatta!

I padroni di casa vanno in vantaggio dopo soli 5 minuti di gioco e raddoppiano dopo altri cinque, ed anche se al 13° segna per il Savona il solito Esposito, ormai le sorti dell’incontro sono scritte. La reazione delle orche non giungerà più e la partita continuerà con questo canovaccio: lo Skating attacca ma non riesce a trovare la via del goal, complice la scarsa vena degli attaccanti nero-fucsia e la grande prestazione dei goalie avversari, mentre i canguri arrivano spesso davanti a Bermano in superiorità numerica avendo gioco facile nel realizzare. Purtroppo non funziona nemmeno il powerplay dei liguri, spesso disorganizzato, che non apporta segnature in ben tre occasioni.

Secondo tempo da dimenticare con le “orche” sempre meno motivate e ormai con la testa alla coppa di lega imminente. A nulla servono i richiami di capitan Monaco, grintoso ma evanescente, e  il match scivola stancamente verso il risultato finale,  giusto nella sostanza ma certamente un poco troppo a favore dei lombardi.

A breve inizierà la Coppa di Lega con il Savona che si schiererà con la manifesta intenzione di fare esperienza utilizzando in primis le nuove leve. Prossimamente il calendario completo dell’evento.

Pagelle

C. Bermano: sufficiente ma non reattivo come al solito, non regge il confronto con gli omologhi avversari: 6

Monaco: grintoso fino all’eccesso, risulta però poco puntuale negli interventi: 5

Esposito: discreto ma nettamente al di sotto della propria media: 6

V. Bermano: sostituisce Tassinari in difesa ma il continuo cambio di ruolo non gli giova: 6

Anthoine: non trova la via del goal pur meritandolo: 6

Parodi: la superficie non lo aiuta ma una certa staticità dimostra forse un calo di attenzione: 5 e mezzo

Borreani: grintoso nel carattere ma non così reattivo fisicamente, lascia qualche disco di troppo: 5 e mezzo

Salzano: unico giocatore motivato, ancora acerbo in qualche situazione, ma attivo e presente: 6 e mezzo

Pubblico: meritava una prestazione migliore ma è rumoroso ed educato come sempre: in una scala da uno a dieci merita un 11

9 responses so far

feb 15 2009

QUIVER 09

Pubblicato da sotto Surf

Ormai l’inverno è quasi terminato, e la primavera porterà le condizioni ideali per la pratica del surf: sole, temperature miti e naturalmente le onde!

Voglio così presentare il mio quiver (per chi non lo sapesse,  il quiver è l’insieme delle tavole a disposizione di un surfista) per il 2009.

Cominciamo dagli skimboard: dopo la rottura del mio mitico Surftech, tutto il peso della categoria ricade sul “Grammudrentu Proboard” shapato per me direttamente dal leggendario Gilles di Varua, del quale potete leggere tutto nell’articolo del settembre 2008 nella categoria “surf”. Oltre a “lui” posso usare qualche woodie o un ’43 per le giornate veramente piatte.

Bodyboard: ultimamente esco in boogie solo quando le condizioni sono veramente adatte, quindi non ho sentito il bisogno di rinnovare questo settore, in cui spiccano il Manta Pro model “Paul Roach” ’43 , tavola specialistica per il dropknee, e il BZ “Cavin Yap Blackball” ’48 (immenso) tutto dedicato allo standup, al quale recentemente ho montato due pinnette da 3′ per poterlo utilizzare con onde superiori al metro e mezzo.

Surfboard: cominciamo con i piccoli calibri, ultimo acquisto è un fish retro della Awali, brand australiano da 5,11′ con le due pinne resinate, molto largo e spesso, per uno stile fluido e old school ottimo nelle onde piccole della stagione estiva. Sempre in uso il vecchio Long Fanatic 9 piedi, indistruttibile e con il set up thruster, ottimo per onde ripide ed affollate tipo Varazze. Altro 9 piedi è il Phil Edwards shapato da Hobie a cui ho dedicato un intero articolo nella sezione surf e, con le dovute cautele, è ottimo per le giornate alle Acque Calde od al Letimbro quando le onde sono tra il mezzo metro ed il metro: old skool rules!!! Per onde più impegnative ma con stile classico, posso ricorrere ad un Awali 9,6 in epoxy con pinna centrale da 9 pollici e due laterali FCS “Kelly Slater”, con una grande facilità di remata ma nel contempo un discreto rocker, che gli permettono partenze ritardate e curve strette ( per un 9,6!!!) ottimali per gli Arci, dove la manovrabilità è un requisito imprescindibile. Last but not least, il mio ultimo amore, un Takayama “model T” 9,6 x 19 x 22 7/8 x16 x 3 1/16 equipaggiato di una pinna Takayama  ad “accetta” da 9 pollici. Mi ha già dato immense soddisfazioni quest’inverno, con surfate old style su tutti i tipi di onde ed in tutti gli spot della zona, con quel feeling giusto che solo una scultura in polyestere può regalare. Shapato completamente a mano dal mitico Donald Takayama, si abbina alla perfezione alla propria pinna, infatti dopo averne ruotate sei, sono tornato alla combinazione originale, ottimo compromesso tra versatilità e direzionalità.

Direi che per stavolta è tutto, vi aspetto in mare per due chiacchiere tra un’onda e l’altra!

Aloha and stay wet!

2 responses so far

feb 09 2009

Skating Club Savona vs. Lepis Piacenza 6-4

Pubblicato da sotto Hockey

Ottima prestazione dello Skating nell’ultima partita casalinga del campionato di serie B di hockey in line 08/09. Contro la squadra terza in classifica, mentre i liguri sono quarti, le orche hanno sfoderato una performance di alto livello, partendo dal portiere Claudino “a Miaggia” Bermano fino all’attacco questa volta pungente, senza dimenticare la difesa, reattiva e determinata a bloccare tutti gli avversari.

La partita è stata sempre in controllo per i savonesi, andati in vantaggio con Anthoine e Esposito, due vere spine nel fianco della difesa piacentina, mentre il terzo goal è stato di Parodi, abile a sfruttare un’indecisione del portiere avversario, di chiaro stampo “pistaiolo”; da notare che per quanto visto nel riscaldamento, pareva più preparata il backup dei padani, dotata sicuramente di uno stile più consono ai bisogni dell’inline. Protagonista di tutto il primo periodo, anzi di tutto l’incontro, è stato l’arbitro che ha fischiato ogni cosa, punendo anche l’intenzione e obbligando gli special teams agli straordinari.

Proprio grazie a questa girandola di penalità i piacentini sono riusciti a violare per due volte la gabbia dell’incolpevole Bermano, che prodigandosi in interventi  miracolosi portava la propria compagine ancora in vantaggio all’intervallo.

L’inizio del secondo tempo, per uno scherzo del tabellone, costringeva le squadre ad un vero minuto di raccoglimento dedicato dal capitano savonese al caro e vecchio hockey, nel quale la fisicità era ancora un valore aggiunto e non una cosa da punire ad ogni costo.

Nella seconda frazione, nonostante una grande correttezza in pista, le penalità erano ancora il vero leif-motiv della partita, con i liguri che annullavano tutti i powerplay avversari, talvolta addirittura doppi. Il Savona andava ancora a segno con Esposito, dovendo poi subire la doppia segnatura degli avversari, mai domi. La vera svolta era poi la marcatura di Borreani che, scontata la penalità, si trovava dietro la difesa avversaria e, imboccato da un lancio di Monaco, scartava il goalie piacentino e ristabiliva le distanze. A questo punto, prima il Savona perdeva per penalità (dieci minuti) Esposito, costringendo i difensori agli straordinari, poi andava ancora a segno con Paolo Anthoine, poi punito per aver esultato “in faccia” agli avversari. Grazie alla maggiore esperienza i savonesi riuscivano poi a tenere le redini del gioco finendo il match in doppio powerplay, facendo esaurire il tempo senza rischi.

Buono il bilancio degli scontri casalinghi, con lo Skating vittorioso in tre incontri su cinque, finendo all’inseguimento del Piacenza per la terza posizione. Un plauso speciale a tutti i dirigenti, i medici ed al pubblico tutto.

Pagelle

Bermano C.: PARTITONE! Tonico, reattivo, bello…non esageriamo! Vero baluardo della porta, incolpevole sulle reti avversarie, para il 98,7% dei tiri piacentini firmando una prestazione mitica della “Miaggia”: 9

Monaco: una partita da mediano, sacrificato per annullare le due “stelle” del Lepis. A causa del valzer delle penalità sta in campo gli ultimi 7 minuti, apportando ordine, esperienza (vista l’età!) e qualche malizia; gallina vecchia fa buon brodo! 7

Esposito: grintoso e determinato, con il proprio ubriacante dribbling semina scompiglio e sconforto nelle linee nemiche; purtroppo viene penalizzato dall’arbitro che gli assegna ben tre penalità e quindi l’automatico dieci minuti: 8

Tassinari: qualche incertezza nei primi minuti, subito tamponata e cancellata dalla solita prestazione difensiva autoritaria: 7 e mezzo

Bermano V.: utilizzato in attacco e in tutti gli special teams, si destreggia in ogni situazione come un vero factotum: 8

Anthoine: schierato con un minutaggio altissimo, risponde con autorità alla chiamata, andando a segno due volte  e, in difesa e penalty, chiudendo tutti i varchi alle punte avversarie: 8

Borreani: goal stupendo a parte, una prestazione ottima sia in difesa che in attacco, con grande esperienza e maturità: 8 e mezzo

Parodi: cinico in fase realizzativa e veloce nel pattinaggio riesce a inibire le uscite dei padani, permettendo alla difesa di schierarsi sempre nel modo migliore: 8

Salzano: entra solo nel finale per una manciata di secondi, riuscendo quasi a segnare e vincendo un’importante ingaggio. Ormai pronto per la maglia da titolare: 7

Pubblico: anche senza Elena e Laura i presenti tengono alto il livello dei decibel portando letteralmente alla vittoria lo Skating! In una scala da uno a dieci: 11

Skating club Savona 09

13 responses so far

feb 01 2009

Novi vs. Skating Club Savona 9-3

Pubblicato da sotto Hockey

Stregato per il Savona il campo di Monleale, anche se questa volta utilizzato come impianto di casa dal Novi, vista la non praticabilità del proprio palazzetto. Si è così tenuta sull’odiata pista dello Sportleale questa partita che vedeva sulla carta fortemente avvantaggiati i padroni di casa.

Effettivamente il match non è mai stato in discussione con i piemontesi subito a segno al quarto minuto e poi quaranta secondi dopo, con la difesa ligure allo sbando. Ancora a segno i bianco-rossi al nono, al decimo ed al tredicesimo minuto, con un’incolpevole Claudio Bermano che vedeva la propria porta bersagliata dai tiri avversari.

Bisognava aspettare il quindicesimo minuto per vedere una reazione delle Orche, con Monaco che con una caparbia azione riusciva a violare la gabbia avversaria. A cinque minuti dall’intervallo una rimonta sembrava così impossibile e il coach decideva quindi di far fare esperienza ai giovani, schierando due linee complete, utilizzando così tutto l’organico a disposizione.

Nel secondo tempo il copione non mutava con il Novi ancora a segno per due volte e il clima dell’incontro più simile ad una amichevole che ad un match di campionato, anche a causa di una certa mancanza di mordente da parte dei savonesi. Finalmente qualche sprazzo di buon gioco dei nero-fucsia portava Esposito in rete, subito imitato dal powerplay piemontese che sfruttava una ghiotta occasione fornitagli da Valerio Bermano (ritardo del gioco). Era poi la volta del numero 4 del Novi, Gastaldi, di completare la sua quadrupletta (?) seguito a ruota dal savonese Anthoine che metteva fine alle segnature a due minuti dal termine. Restava ancora tempo per Monaco, che, per non smentirsi, si vedeva appioppare due minuti per carica a gomito alto.

In sostanza una partita piacevole con un clima disteso, come testimoniano le pochissime penalità, con i piemontesi sempre in pieno controllo del match ed i liguri sottotono e poco attenti, forse anche per i postumi di influenze ed infortuni, ma con una difesa poco vigile ed un attacco sterile; unica nota positiva è stato il powerplay, che con una statistica di uno su due tentativi lascia presagire buoni margini di miglioramento.

Pagelle

Bermano C.: nonostante il pesante passivo, buona prestazione su una superficie difficile. Sprazzi di alta scuola ma anche alcune distrazioni: 6

Monaco: dolorante e reduce dalla malattia non è lucido e talvolta perde la marcatura ma l’impegno è buono: 5

Esposito: poco mordente e soffre il fondo. Schierato in difesa non usa il fisico e pare un poco affaticato; buono nelle ripartenze ed in fase assist: 6

Tassinari: prestazione opaca, poca grinta contro i “giganti” piemontesi, non il solito gladiatore: 5 e mezzo

Bermano V.: gioca un tempo in attacco ed uno in difesa a fasi alterne, talvolta risulta avulso dal gioco ma è chiamato ad una partita di sacrificio: 6

Anthoine: non gradisce il fondo e riceve pochi lanci ma si dà da fare a tutto campo: 6

Borreani: chiamato a coprire i buchi della difesa si perde in attacco sempre marcato bene dagli avversari. Tanto impegno ma scarsi risultati: 6

Parodi: molto tonico ma sovrastato dalla potenza fisica degli avversari, si incaponisce nel dribbling: ottimo per impegno ma ancora “acerbo” in fase costruttiva: 6 e mezzo

Salzano: dentro per quasi tutto l’incontro, è la vera nota positiva per il Savona che acquista un giocatore ormai pronto per il campionato. Qualche rifinitura e potremo sperare di chiudere sempre almeno due linee: 7

Pubblico: molto più rumoroso e numeroso di quello di casa! Grande tifo nonostante la manifesta inferiorità, avrebbe meritato maggiore impegno da parte degli atleti. Un plauso speciale alla fan n.1 di Borreani, la mitica Elena!!!

Appuntamento a Domenica 8 febbraio per l’ultima partita interna del campionato contro il Piacenza: Zinola ore 16 : intervenite RUMOROSI!!!

15 responses so far