Archivio per novembre, 2010

nov 22 2010

Coppa di Lega 2010-11 girone di ritorno

Pubblicato da sotto Hockey

Si è svolto ieri, 21 novembre, a Novi Ligure il girone di ritorno della prima fase della coppa di Lega, con lo Skating Club Savona opposto a Milano 24 e Novi Hockey. Il Savona, virtualmente fuori dai giochi a causa della doppia sconfitta dell’andata, si presentava per rifinire le ultime cose in vista del campionato italiano di serie B. Quasi al completo, recuperato il Capitano, dopo la doppia squalifica, il Savona doveva riscattare il magro risultato di due settimane fa ( 7 a 1 e 10 a 3!) pur con l’intento primario di registrare i meccanismi per gli impegni futuri.

Il primo incontro, alle 16, contro il Milano 24. Subito in salita per i liguri, con una fulminea azione, che portava al gol lombardo dopo solo 6 secondi! Assorbita la doccia fredda, il Savona reagiva e l’incontro procedeva in sostanziale parità fino al 17°, con il pareggio di Esposito, dopo un’azione solitaria. Nel secondo tempo il power play nero fucsia portava in vantaggio le “Orche”, grazie ad Anthoine, ma a 5 minuti dal termine un fulmineo uno due dei milanesi metteva in ginocchio il Savona. Il forcing finale dei liguri portava in rete ancora Anthoine a 30 secondi dalla fine e il pareggio veniva sfiorato ancora due volte, ma la partita andava ai lombardi per 4 a 3.

Alle 18 la seconda sfida contro i padroni di casa del Novi Hockey, con i liguri già stanchi per l’incontro precedente, ma motivati a concludere bene la serie. Purtroppo i piemontesi si portavano in vantaggio dopo 3 minuti e raddoppiavano al 12°, rendendo difficile il compito agli avversari. Finalmente al 15° Parodi accorciava le distanze, ma a fine tempo erano ancora i padroni di casa a marcare una rete. Come sempre gli ospiti si facevano sorprendere all’inizio, lasciando colpevolmente libero un’attaccante e subendo il 4° goal. Cominciava quindi una difficile rimonta, tentata dallo Skating a rete prima con un’azione incontenibile di Valerio Bermano e con Anthoine, tripletta personale, ancora in Power play al 35° e tanti tentativi di pareggio. Putroppo i piemontesi difendevano bene il risultato finale ancora di 4 a 3!

In sostanza una buona prestazione della squadra ligure, con i nuovi elementi in spicco e finalmente degli special teams all’altezza. Ottimi i portieri e qualcosa da aggiustare in difesa, ma con la mancanza dell’asso svedese, fuori per lavoro. Contento coach Monaco, con un buon roster a disposizione e la possibilità di disputare un buon campionato.

Alla prossima !!!

12 responses so far

nov 05 2010

Evan longskate Model M

Pubblicato da sotto Surf

mio-longskate-by-danilo.jpgEcco il test ride del mio nuovo skate longboard! Ho sempre avuto skateboard, fin dall’infanzia, ma ultimamente giravo in cruising con un Sector 9 pintail, utile nelle lunghe pause tra una mareggiata e l’altra per non perdere la mano con la tavola. Andava bene, ma non mi soddisfaceva appieno, in quanto le manovre a me più care, quelle tipiche del longboard anni 60′ erano impossibili; tavola troppo corta e stretta, reattiva ma simile più ad un singlefin anni 70′ alla Larry Bertelmann, indirizzata verso il carvin e lo sliding. Io avevo in mente un vero long, simile ad un 9 piedi, sul modello del Takayama model T.

Ed è così che chiaccherando con Danilo di Starlab ding Repair, il nostro “medico” delle tavole da surf e skim, son venuto a sapere che si dilettava nel costruire longskate …plin …lucina… dalle parole alla dima e poi alla realizzazione, il viaggio è durato meno di una settimana! Nutrendomi nell’attesa con le foto del “work in progress”, ho atteso con trepidazione il sabato, quando lo stesso Danilo mi ha recapitato a casa questo “transatlantico” di 150 cm per 30!

Già montandolo, usando i trucks del Sector 9, ci si accorge dell’imponenza del tutto, ed il risultato finale è esattamente quello desiderato, sembra un model T con le ruote! Vista la pioggia, una veloce prova in officina per trovare la giusta regolazione dei carrelli, che non vanno tenuti troppo morbidi, ma devono comunque garantire un minimo di sterzata.

Giunge finalmente il sole e si può dare il via al test: azz… è proprio lungo… però… gira bene…ehi, slaida…wow. E’ incredibile quanto non ci accorga della lunghezza, gira tranquillamente, a patto di stare molto arretrato e fare bene perno sulla coda. Poi incrociare i passi fino in punta è facilissimo e divertente, con il solo accorgimento di dosare il peso in centro, per non venire sparati dal flex. Si può fare di tutto, dal cruising alla discesa, anche se le pose old skool e l’hot dogging sono il suo campo di battaglia!

Se avete in testa una tavola particolare o volete un longskate senza spendere una cifra assurda, sentite prima Danilo su Facebook, Starlab ding repair, e vedrete che mi ringrazierete!!!

One response so far